Pubblicità

Oggi la storia rende giustizia al nostro grande ed illustre concittadino.  Dopo 150 anni, una donna, Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati, nella Sala della Regina di Palazzo Montecitorio, rende onore a Salvatore Morelli.

Una collocazione più degna non poteva trovare il suo busto se non in questo palazzo dove lui tanto si è battuto per realizzare le sue ispirazioni di uguaglianza e parità di diritti. Per l’occasione dell’Evento la Presidente della Camera dei Deputati On. Laura Boldrini ha invitato a Roma il “Comitato di Volontariato Promotore della Petizione Popolare per un Monumento a Salvatore Morelli in Carovigno“, nelle persone di Primarosa (Rosetta) Saponaro – Portavoce del Comitato – e di Marco Lotti e Vito Uggenti – Componenti del Comitato.

Soddisfatto della giornata e dell’evento anche il sindaco di Carovigno Carmine Brandi che ha partecipato alla cerimonia di scopertura del busto, hai nostri microfoni ha dichiarato – “è una giornata storica per Carovigno, è stata un’esperienza forte, sono stato ricevuto con la mia famiglia della presidente della Camera on. Boldrini, alla quale ho portato il saluto della nostra comunità. Questo riconoscimento a Salvatore Morelli, molte volte sbeffeggiato in parlamento, ma ha sicuramente dimostrato di essere una grande mente pensate. Tutti conosciamo le sue battaglie per la donna e per i bambini, oggi un nostro concittadino ha ricevuto il giusto ringraziamento. Il mio ringraziamento va all’on. Laura Boldrini e all’on. Livia Turco per le belle parole espresse questa mattina durante la cerimonia”.

SALVATORE MORELLI:

Educatore, avvocato, scrittore, giornalista e politico, un patriota ai più sconosciuto. Salvatore Morelli è un figlio del Risorgimento e un figlio del sud. Fu tanto illuminato e precursore dei tempi che arrivò a proporre al governo un’idea di Nazioni Unite per non incorrere nelle guerre, limitare le spese per gli armamenti ed usare le risorse economiche nella costruzione di scuole, infrastrutture ed enti assistenziali.