nervegna 960x540 960x540
nervegna 960x540 960x540
Volantino Spazio Conad Mesagne

La sala della Colonna Romana, all’interno di Palazzo Nervegna, ha fatto da degna cornice al grande evento promosso dall’associazione “L’isola che non c’e’”per porre le basi per un valido progetto di bonifica e riqualificazione del Canale Reale.

Da: Brindisi Time

Un corso d:acqua lungo 50 chilometri che attraversa otto comuni del territorio provinciale, sfociando poi nello specchio d’acqua della Riserva di Torre Guaceto. Oggi, presenti l’assessore regionale Curcuruto, il Commissario prefettizio del Comune di Brindisi, Santi Giuffre’, i sindaci dei comuni interessati, le associazioni ambientaliste. L’obiettivo e’ accendere un riflettore su una vicenda importante, che si trascina da anni e che si vuole risolvere. Le intenzioni sono ottime, ora c’è da capire se ei possono tramutare velocemente in progetti seri e idonei per la tutela di un paesaggio bellissimo come Torre Guaceto. E l’impegno ella Regione, come ha detto l’assessore regionale ai Lavori Pubblici, la dott.ssa Curcuruto, e’ quelli non soli economico, ma soprattutto di garanzia affinché’ sia fatta un’opera importante e bella e che sia fondamentale per il mantenimento del l’invidiabile paesaggio della zona del Canale Reale. Senza allungare i tempi e senza aumento dei costi. Nel suo intervento, il commissario Giuffre’ ha anche ribadito che Brindisi non e’ diversa da altre realtà’. Tutte le città’ hanno problemi di compromissione del paesaggio e dell’ambiente. L’importante e’ mettersi attorno ad un tavolo e cercare di trovare le adeguate soluzioni. Magari a Brindisi si e’ un po’ meno veloci di altre zone, ma ci si sta provando.