Comune di San Vito dei Normanni
Comune di San Vito dei Normanni
Volantino Spazio Conad Mesagne

La Lega con Salvini Premier invita l’Amministrazione Comunale ad aprire urgentemente un tavolo di confronto con le forze politiche e sociali ed i rappresentanti delle associazioni.

La Lega con Salvini Premier, vista la lettera aperta di alcuni operatori commerciali in ordine alla “morte” di Piazza L.Leo, condivide quanto in essa riportato e invita l’Amministrazione Comunale ad aprire urgentemente un tavolo di confronto con le forze politiche e sociali ed i rappresentanti delle associazioni al fine di affrontare un tema scottante e delicato che concerne, oltre alle problematiche poste dai commercianti, tutte le criticità del centro urbano adiacente alla suddetta piazza in termini di sviluppo delle iniziative necessarie a rilanciare l’indotto economico e sociale della comunità sanvitese.

E’noto ed è sotto gli occhi di tutti, infatti, il lassismo ventennale della gestione del centro prospiciente a  Piazza  L.Leo e, in ultimo, a Piazza Vittoria. La chiusura totale è irrazionale di Piazza L. Leo ha comportato la desertificazione di ogni attività commerciale, artigianale e culturale. Il sottoscritto chiede, pertanto, che tale nefasta criticità sia posta al centro di una discussione pubblicaaffinché possano essere trovate adeguate soluzioni che non mortifichino gli interessi, l’impegno e il lavoro di chi investe sul territorio urbano locale.

L’Amministrazione  Comunale, impegnata nella rigenerazione urbana ( ancora in fase progettuale) , deve assumere una posizione precisa che abbia delle priorità’ e che non rimandi alle calende greche   ( della rigenerazione urbana) la soluzione concertata con la cittadinanza e con gli operatori commerciali, assumendosi le responsabilità’ del proprio operato, ivi compresa l’inerzia finora mostrata dalle ultime Amministrazioni Comunali. 

La Lega è disponibile sin da ora a dare il proprio contributo affinchè la Piazza L.Leo, il Corso, la Piazza Vittoria e le realtà circostanti ritornino ad essere fruibili e a diventare il centro dinamico e rappresentativo  della nostra comunità per quanto riguarda sia l’arredo urbano sia l’apertura parziale al traffico veicolare anche se in via sperimentale per fasce orarie prestabilite.