Pubblicità

Ancora attentati a Torre Guaceto – Ancora le mani della criminalità sulla Riserva.

Questa volta a subire un grave atto intimidatorio è stato il direttore del consorzio Dott. Ciccolella a cui hanno bruciato la porta di una abitazione estiva.
Il partito dei Verdi della provincia di Brindisi chiede l’immediato commissariamento della riserva e lo scioglimento del consorzio di gestione assolutamente inadeguato ad affrontare questa difficile situazione di ordine pubblico e legalità che interessa da qualche anno Torre Guaceto.
E’ impressionante quanto accaduto ad operatori e dirigenti del Consorzio.
• 2013 -Bruciata la macchina di un operatore.
• 2014- Colpi di pistola contro la casa di un consigliere di amministrazione
• 2014 -Custode del centro visite selvaggiamente picchiato
• 2014 -Attentato con danni alla casa della Presidente Milani
• 2014- Attentato con danni ad una proprietà del Presidente Epifani
• 2014 – Danneggiata la macchina ad un operatore della segreteria del consorzio
• 2015 – Attentato con danni alla casa del Direttore.

Tutto questo in un contesto di lotte politiche dovute all’avvicendarsi di amministrazioni comunali a Carovigno e di grossi contrasti all’interno del Consiglio di Amministrazione del Consorzio.
Torre Guaceto ha gravissimi problemi come lo scarico dell’impianto di depurazione nella zona A della riserva marina o la difesa della sua straordinaria biodiversità minacciata da una fortissima presenza antropica e da tanti altri fattori. Possono questi problemi essere affrontati nel clima di minaccia e di insicurezza che vive oggi la Riserva?
Ad agosto 2014 dopo l’attentato alla Presidente Milani il senatore Vittorio Zizza, componente della commissione ambiente del Senato e membro della Commissione Antimafia chiese, inascoltato, direttamente al Ministro Galletti il Commissariamento del Consorzio.
Auspichiamo che questa volta il Ministro finalmente si muova ed affidi immediatamente Torre Guaceto alla Capitaneria di Porto di Brindisi unica struttura ad avere adeguate competenze e mezzi per affrontare una situazione di Emergenza.
Auspichiamo anche che si capisca che il Consorzio di Torre Guaceto non rappresenta più l’organismo idoneo alla gestione ma che è opportuno che siano i comuni di Carovigno e di Brindisi ad assumerla direttamente ognuno per il proprio territorio.

Elio Lanzillotti – Verdi provincia di Brindisi responsabile problematiche ambientali