Frantoi 2 720x540 720x540
Frantoi 2 720x540 720x540
Volantino Spazio Conad Mesagne

Dall’ inizio di novembre i Carabinieri Forestali in provincia di Brindisi hanno sottoposto a verifiche ambientali 33 frantoi ed oleifici su tutto il territorio. Dall’ attività condotta, sono stati finora accertati 4 illeciti penali e 6 amministrativi, e si è proceduto al sequestro in 5 opifici.

Oltre ai controlli pianificati, sono in corso accertamenti per individuare provenienza e responsabilità di alcuni scarichi in canali, e di qui in mare, di probabili effluenti di frantoi, segnalati da cittadini alla centrale operativa dei Carabinieri Forestali.

Il Gruppo CC Forestale di Brindisi ha inteso così sottoporre a stretta sorveglianza un importante settore produttivo, quello della molitura delle olive, affinchè quest’ ultima sia effettuata nel rispetto delle leggi e dell’ ambiente naturale.

Le acque di vegetazione, provenienti dalla lavorazione meccanica, così come le sanse umide, possono essere utilizzate a fini agronomici, e quindi essere considerate, per la legge, dei sottoprodotti esclusi dalla disciplina dei rifiuti (Decreto Legislativo 152 del 2006), a condizione che siano rispettati alcuni parametri, come il quantitativo massimo (50 metri cubi di acque di vegetazione per i frantoi a ciclo tradizionale e 80 per quelli a ciclo continuo) per ettaro all’ anno, ad almeno 200 metri da centri abitati, almeno 300 da impianti di captazione di acque potabili, con divieto di spandimento su terreni allagati, gelati o innevati o con falda a meno di dieci metri di profondità.

Per l’ attestazione della sussistenza di tutti questi requisiti, la legge 574 del 1996 (ripresa in Puglia dal Regolamento Regionale 27 del 2007) prevede che il proprietario dei sottoprodotti (titolare del frantoio) debba comunicare al Sindaco competente e all’ ARPA (Agenzia per la Protezione Ambientale) entro trenta giorni dall’ inizio delle operazioni, l’ ubicazione dei terreni e le modalità con cui si intende effettuare lo spandimento, nonché, con una relazione tecnica asseverata, le caratteristiche geologiche, fisiche e chimiche del suolo e dell’ eventuale idrografia.

In mancanza di alcuna di queste condizioni sostanziali, acque di vegetazione e sanse umide cessano di essere considerate sottoprodotti di lavorazione, e rientrano nel generale regime di disciplina dei rifiuti.

Proprio sulla base di quest’ ultima, i Carabinieri Forestali delle Stazioni di Brindisi, Ceglie Messapica e Ostuni hanno contestato i reati di abbandono e deposito incontrollato di rifiuti, e sequestrato vasche di accumulo e terreni irregolarmente allagati. Nel caso di un frantoio a Mesagne, è stato sequestrato l’ intero impianto, con macchine per la molitura e motopompa con tubazioni, chiudendo così l’ accesso ai numerosi agricoltori che stavano conferendo il proprio prodotto.