Pubblicità

Il 50enne G.M. rintracciato dai carabinieri nell’abitazione della convivente, dotata di tutti i confort

E’ stato catturato nella villetta, dotata di tutti i confort, della sua convivente. E’ durata tre mesi la latitanza del 50enne G.M., di Villa Caselli. L’uomo, sfuggito a due ordini di cattura, è stato arrestato nelle campagna di Grottaglie (Taranto) dai carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana, supportati dallo Squadrone eliportato carabinieri Cacciatori Puglia e dal Reparto Operativo di Brindisi. L’arresto è avvenuto alle prime luci di oggi (venerdì 27 marzo), fra il Comune tarantino e Villa Castelli.

Come detto, il 50enne era gravato da due provvedimenti restrittivo. Il primo, a seguito della resistenza a pubblico ufficiale avvenuta il 13 dicembre 2019 nei confronti di una pattuglia della stazione Carabinieri di Villa Castelli, quando M. evase da una comunità di Martina Franca (Taranto) in cui lo stesso era sottoposto a regime dei domiciliari in seguito a un’ordinanza di custodia cautelare emessa il 28 settembre 2019 dal gip del tribunale di Lecce, per i reati di “associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti” e “detenzione illegale di armi”.

Il secondo, a seguito delle vane ricerche per la mancata esecuzione di un’ordinanza della Sezione Penale unica della Corte di Appello di Lecce, poi dichiarato latitante dalla stessa autorità giudiziaria il 24 dicembre 2019. Nel mese di febbraio 2020 è stato dichiarato latitante anche dalla Procura della Repubblica di Brindisi.