Picasso sbarca in Puglia con “L’Altra Metà del Cielo”. Il Video Servizio

La mostra, raro esempio di allestimento diffuso, verrà organizzata in contemporanea nelle città di Martina Franca, Mesagne e Ostuni, a partire dal prossimo 24 aprile e fino al 4 novembre 2018.

L’Associazione Culturale Metamorfosi Grazie all’incontro di personalità esperte di arte, di comunicazione e di relazioni pubbliche, si è affacciata con grande successo nel settore dell’organizzazione di mostre ed eventi culturali. In soli sette anni , infatti, MetaMorfosi ha già inaugurato sessanta mostre, con una particolare propensione per gli auori del Rinascimento, nei musei italiani e stranieri più prestigiosi.

L’obiettivo dell’Associazione è quello di incrementare la valorizzazione del patrimonio culturale italiano, offrendo nuovi progetti di mostra che possano essere allestiti su tutto il territorio nazionale e all’estero, di finanziare le istituzioni culturali, di sostenere il restauro di opere d’arte, di produrre pubblicazioni e video cinema/TV, di sperimentare l’impatto delle nuove tecnologie digitali nell’arte. MetaMorfosi ha stretto con la Fondazione Casa Buonarroti di Firenze, la Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano, la Biblioteca Reale di Torino, Il Museo Civico di Bassano del Grappa e altre istituzioni partnership per la valorizzazione delle rispettive collezioni artistiche, e con il Laboratorio di Robotica dell’Istituto Superiore Sant’Anna di Pisa per le sperimentazioni digitali. Consorzio Welcome in Puglia Welcome in Puglia è il primo consorzio in Italia, formato da operatori turistici che ha come obiettivo primario la promozione del territorio pugliese e il continuo miglioramento della qualità dei servizi turistici.

La presentazione

video

Il progetto prevede la realizzazione della mostra suddivisa in 3 spazi differenti all’interno del territorio pugliese. Uno dei primi esempi di mostra diffusa che unisce città con peculiarità artistiche, storiche , culturali e identitarie simili. La mostra, visitabile con un unico ticket di ingresso coinvolgerà 3 location: Mesagne, Ostuni e Martina Franca. Il percorso, visitabile indistintamente a partire da qualsiasi deli tre luoghi, ha l’ambizione di unire sotto il cappello del barocco pugliese 3 importanti località del tacco d’Italia. Mesagne e Martina Franca, infatti, sono riconosciute per i propri palazzi e edifici religiosi di epoca barocca. Un percorso che abbraccia anche aspetti identitari importanti, legati alla comune appartenenza di Martina Franca e Ostuni al territorio della Valle d’Itria.

Il progetto in Puglia: Arrivano tutte da collezioni private, molte delle quali mai esposte prima, le duecentodiciassette opere di Picasso – L’Altra Metà del cielo. Allestita dell’Associazione Metamorfosi e curata dal Prof. Francesco Gallo Mazzeo, Docente all’accademia di belle arti di via Ripetta a Roma, sarà aperta al pubblico da aprile 2018 in Puglia e presenterà 3 olii , 159grafiche, 35 ceramiche e un disegno del genio spagnolo, un acquerello dell’artista e compagna di vita Dora Maar e 19 grafiche di un’altra donna che ha accompagnato la sua vita: Françoise Gilot. Il ritratto di quello che molti considerano la maggior espressione artistica del Novecento, sarà completato, come una sorta di “mostra nella mostra”, da 80 fotografie di Edward Quinn, il fotografo irlandese che dal 1951 fino al 1973, anno della morte di Picasso, fu legato all’artista da una profonda amicizia, 8 foto di Robert Capa e e 3della Gilot.

La Mostra: Attraverso la partnership con Federalberghi Puglia e Federalberghi Brindisi (già partner del protocollo d’intesa SUM – Sistema Urbano museale Mesagne), alla rete di relazioni costruita dell’ associazione culturale “Metamorfosi” e dal Consorzio “Welcome in Puglia” e grazie alla collaborazione con i principali tour operator e le compagnie crocieristiche che approdano nei porti di Bari e Brindisi, la mostra vedrà un richiamo internazionale. Grazie alla implementazione del collettivo “PugliaWalkingArt”, sono stati definiti diversi pacchetti esperienziali che permetteranno la fruizione della mostra in un contesto molto più ampio e la relativa valorizzazione di beni e musei delle città coinvolte.

Nei territori di Martina Franca, Mesagne e Ostuni sono stati individuati dei percorsi sostenibili nell’ottica del “turismo lento” che saranno percorribili in diverse modalità con il supporto di tecnologie innovative attraverso app dedicate in continua evoluzione.

Guarda Anche
Scelti Per Te